Come funziona Contenuti Per gli scettici Bibliografia Risorse Richiedi il libro Forum Contatti Home page
 

Risorse

Come evitare il blocco nei progressi
FAQ n.44 Power Vision System -"Leggero sfuocamento" e blocco nei progressi - Come evitare che i miglioramenti nella messa a fuoco si arrestino


Ciao David,


Ho appena finito di leggere il tuo libro ed ho qualche domanda per
te:




1) A pag.79 "Esperienza personale..." racconti del momento in cui la regressione sembrava stoppata a - 0.50D nonostante seguissi i tuoi protocolli di esercizi di defocus (e si suppone con cura).
Poi ti sei accorto che il portare un +1 /+2 , sia in casa, sia al
lavoro , comunque in ambienti ristretti e condizioni di sicurezza ,
ovvero in condizioni non da "allenamento" ma da "allenamento
involontario", non solo sbloccava la situazione ma lo faceva al
massimo grado.




Quest'esperienza non ti fa dedurre che le sedute di "CRB" e di
sfuocamento volontario possono essere sostituite da una
sottocorrezione permanente?
Ovvero per le alte miopie una vera e propria sottocorrezione e per
quelle basse con lenti positive quel tanto che basta dopo aver
sottratto il visus negativo, in ogni caso portate sempre se ci
trova in ambienti ristretti e non solo per le sedute di allenamento.




2 ) Ciò si sostituirebbe anche alla difficile definizione del "giusto sfuocamento" per gli esercizi. Vorrei farti presente che proprio questa parte del "protocollo", ovvero la definizione del grado di "sfuocamento" da ottenere e sul quale esercitarsi , è la più critica e la meno quantificabile per chi legge. Una tua indicazione anche approssimitiva di quanti centrimetri dovrebbe spostarsi la messa a fuoco, aiuterebbe.




3) Io ho -3 D di differenza tra i 2 occhi (OS -4,25 Cl -0,75 180°
OD -7,25 Cl -0,25 10°) e suppongo dovro' adoperare la benda , come dici tu , fino a quando avrò ottenuto il "pareggio". Suppongo
questo valga solo per gli esercizi di defocus.
Tuttavia ho appena fatto degli occhiali "da lettura" con +1,50 D di
sottocorrezione che dovrebbero andare bene anche per gli esercizi ma che sto finendo per portare sempre (mi rilassano). Pensi possano esserci problemi ad aver " anticipato" la sottocorrezione all' occhio sinistro?


Ti ringrazio se potrai rispondermi e ti faccio i miei complimenti
per le tue ricerche.


Saluti, Max


- Risponde David De Angelis
Caro Max,
rispondo alle tue domande. Il blocco nella regressione della mia miopia era rintracciabile in due cause:

1 causa - La prima in quanto lo stress da ambienti visivi ristretti (lo stare in casa o in ufficio) provocava un adattamento del sistema visivo a quelle distanze, ragion per cui, in quello stadio di miopia (circa -0,50) dovevo controbilanciare con l'utilizzo di lenti "da riposo" (positive). Se fossi stato molto miope avrei dovuto utilizzare delle sottocorrezioni, sempre in ambienti chiusi, o per miopie medie NON utilizzare occhiali (sempre in ambienti chiusi e considerati "sicuri"). La spiegazione pratica di questo concetto la puoi comprendere meglio esaminando il concetto di "Bilancio accomodativo", come descritto ed illustrato nel mio libro "Come sono guarito dalla miopia".

2 causa. Altro fattore che ostacolava i miei progressi nella regressione della miopia era dovuto al fatto che nell'allenamento con il Defocus retinico, non facevo abbastanza attenzione all'aumento progressivo della distanza di lettura: quello che facevo (sbagliando e ostacolando i progressi), era di leggere con occhiali da allenamento (circa +4 diottrie) NON assicurando un giusto grado di defocus/sfuocamento. Leggevo e basta, senza METTERE a fuoco il leggero sfuocamento. Esiste un mondo di differenza nel leggere un testo, anche se leggermente sfuocato, ed invece mettere a fuoco lettere che a mala pena si riesce a distinguere. Ti ricordo che il lavoro sul Defocus retinico deve essere PROGRESSIVO, e per progressivo si intende che il rapporto potere diottrico e distanza deve (nelle miopie) essere progressivamente AUMENTATO. In caso contrario, come è successo a me, si verificherebbe un blocco nei progressi: si rimarrebbe confinati nell'ambito dell'attuale potere di messa a fuoco. Voglio dirti che il vero lavoro da eseguire per la regressione dei difetti di refrazione è quello del Defocus retinico progressivo.

L'utilizzo di un leggero sfuocamento in ambienti chiusi mediante sottocorrezione o, nelle basse miopie, di lenti positive, ha una mera finalità di aiuto nella capitalizzazione dei progressi ottenuti con il lavoro di DEFOCUS.

.Trovare il giusto grado di sfuocamento non è difficile in quanto per corretto livello di sfuocamento deve essere considerata la massima distanza con la quale, mediante il sistema CRB, si riesce a focalizzare una lettera. Questa distanza, lo ripeto, deve essere con il tempo progressivamente aumentata (nelle miopie). In caso contrario: blocco nei progressi. Lo stimolo deve essere nel tempo adattato alle maggiori capacità di messa a fuoco raggiunte. In palestra, e questo per farti comprendere ancora meglio il concetto, è come se un sollevatori di pesi si allenasse sempre con lo stesso carico/peso. Si verificherebbe un blocco nelle sue capacità di sollevamento e di forza. La parola chiave, dunque, è assicurare che l'adattamento della messa a fuoco sia garantito da un costante leggero sfuocamento.

Per creare un leggero sfuocamento non è necessario fare calcoli matematici sul rapporto diottrie/distanza, ma allenarsi a percepire lo sfuocamento e, dopo il movimento CRB, mettere a fuoco il testo. Punto.

3 Domanda. Non penso ci siano problemi ad aver anticipato la sottocorrezione degli occhiali da riposo, l'importante è che lo sfuocamento non sia troppo elevato per le tue attuali capacità di messa a fuoco (non deve ostacolare lo svolgimento dei normali compiti casalinghi o di ufficio). L'importante è che sia ben bilanciata tra i due occhi, visto che, allo stato attuale, c'è una così grande differenza nel loro potere diottrico.

Riguardo gli esercizi di defocus devi "pareggiare" il difetto allenando PRIMA l'occhio più miopie ed utilizzando una benda per l'altro occhio. Con il tempo devi adattare gli occhiali da riposo in base alla riduzione della differenza nelle diottrie tra i due occhi.

Il tuo caso (di differenza vistosa tra i due occhi), richiede maggiore attenzione nella scelta del grado di defocus di ciascun occhio ma, se ti allenerai con la giusta motivazione e costanza, non mancherà di darti le giuste soddisfazioni che derivano dal vedere il mondo con occhi"diversi" ed andare oltre quella fastidiosa coltre di nebbia che opprime la maggior parte dei miopi.


Torna all'indice
www.powervisionsystem.com Created by Aser srl