Come funziona Contenuti Per gli scettici Bibliografia Risorse Richiedi il libro Forum Contatti Home page
 

Risorse

Ancora sullo Stretching oculare!
FAQ n.54 Power Vision System- Ancora sullo Stretching oculare!




Buongiorno David,




mi chiamo Davide e scrivo da Mestre (VE), ho appena terminato di
leggere appassionatamente il tuo libro che reputo estremamente
interessante.




Porto gli occhiali da 22 anni (io ne ho 37) e fino a qualche giorno
fa ero completamente rassegnato a portare gli occhiali per tutta la
vita anche perchè essendosi la mia vista stabilizzata da circa 7 anni
(DX -4,25 / SX -2 cil -0,5) avevo smesso di preoccuparmi per i
continui peggioramenti che avevo avuto durante il periodo di studi
universitari. Improvvisamente mi è tornata la voglia di vederci bene
come un tempo o almeno di migliorare la mia vista e non vedo l'ora di iniziare ad applicare il PVS.




Devo dire che la parte più interessante e utile del testo, al fine di
mettere in pratica il tuo metodo, è quella relativa alle domande e
risposte infatti senza di quella sarebbe stato difficile capire come
applicare correttamente il PVS, ma mi è rimasto ancora un dubbio
circa l'esecuzione della variante stretching rotazioni fissando un
punto fisso:




1) Mentre si esegue la rotazione del capo devo garantire la continua
messa a fuoco del punto che tu suggerisci sia posto possibilmente a
più di 3 metri oppure è sufficiente fissarlo anche se la visione
risulta sfuocata? Con l'occhio dx infatti riesco a mettere a fuoco
solo a 26 cm, quindi dovrei scegliere tale punto non oltre tale distanza.

Se lo scopo di tale esercizio è come dici tu di ristabilire la messa a fuoco in maniera precisa penso che la distanza di 3 m vada deguata al grado di miopia del singolo individuo.




2) Se ho capito bene, mantenere la fissazione significa mantenere la
messa a fuoco mentre mantenere la fusione binoculare significa non
sdoppiare l'immagine.


Ti ringrazio fin d'ora per i preziosi consigli che mi saprai dare
perchè non vedo l'ora di iniziare a mettere in pratica il PVS.


Cordiali Saluti




Davide



- Risponde David De Angelis
Lo scopo degli esercizi di stretching non è la messa a fuoco ma la coordinazione degli assi visivi (affinchè si potenzi il fattore "fissazione centrale", al riguardo leggi la spiegazione sul mio libro).

Anche se il punto/oggetto fissato risulta un pò sfuocato non ha importanza, l'importante è che sia abbastanza definito da renderti conto se il punto fissato non si sdoppi per mancanza di coordinazione oculare (in questo caso risulterebbe ompromessa la "fissazione centrale").

Mantenere la fissazione significa quindi non sdoppiare l'immagine/punto fissato nelle posizioni estreme del range visivo.

Lo scopo dello stretching oculare è quello di potenziare la capacit di movimento saccadico oculare, di puntamento visivo e di alleggerire gli occhi dalla loro tensione cronica, simile ad una morsa (come avviene specie nelle miope molto elevate).

Una volta "ammorbiditi" e resi più forti e flssibili gli occhi sar più facile lavorare sulla messa a fuoco (defocus retinico). I muscoli estrinseci oculari di occhi miopi sono spesso caratterizzati da una tensione cronica, ed è proprio questa tensione cronica che rende difficoltoso il processo di messa a fuoco. Immagina un pianista che abbia i muscoli delle mani e delle dita di un carpentiere: non avrebbe la fluidit per eseguire quel processo di incredibile coordinazione che gli permette di eseguire complessi spartiti musicali. Il processo della messa a fuoco da parte dei muscoli oculari è assimilabile a questo esempio, per capirne meglio il concetto.
Spero di esserti stato utile.
Un saluto.
David De Angelis
http://www.powervisionsystem.com


Torna all'indice
www.powervisionsystem.com Created by Aser srl